Usiglian del Vescovo incentra la sua produzione intorno a tre pilastri: è convintamente biologica, sicuramente etica e fortemente sostenibile. Ci prendiamo cura dei vigneti manualmente per garantire il livello occupazionale e per tenere sempre alta l’asticella della qualità, affidandoci ai metodi della tradizione, ma tenendo anche ben presente l’innovazione. 

La nuova cantina rispecchia questa filosofia, proponendosi come un mix accurato tra tecnologie innovative e sapere antico. Oggi ci sentiamo custodi di questo territorio meraviglioso: per noi è un autentico privilegio. 

Il Barbiglione è il nome nel dialetto di Palaia del gruccione, splendido uccello variopinto che lega la sua esistenza ai territori dove è presente molta sabbia. È meraviglioso vederlo volare sopra i nostri vigneti. Un vino nato per soddisfare i sensi e prodotto dalle nostre migliori uve che, grazie al terreno sabbioso, raggiungono la loro massima espressione. Questo vino è la migliore testimonianza per raccontare la storia ed il terroir di Usiglian del Vescovo.

VINIFICAZIONE

Le uve raccolte a mano vengono messe in ceste da 200 kg e portate in cantina per essere diraspate, selezionate sul vassoio vibrante e pressate. A seconda dell’annata, segue un periodo di macerazione di 15-20 giorni. Si effettuano follature e rimontaggi nel rispetto della matrice. La fermentazione malolattica avviene in vasche di cemento, poi il vino viene affinato in barriques e tonnaux. Una volta imbottigliato, riposa in cantina prima di arrivare nei vostri calici.

NOTE DI DEGUSTAZIONE

Colore profondo con una sfumatura violacea. Intenso al naso, complesso con spiccate note di frutti rossi come mora, ribes e mirtillo. Al primo assaggio il vino appare suadente, evolve poi in un’intrigante esplosione tannica. Finale persistente e sorprendentemente fresco.

ABBINAMENTI

Perfetto accompagnamento per carni rosse, selvaggina e formaggi stagionati. Il suo intenso bouquet floreale e fruttato, unito alla sua freschezza, fanno di questo vino l’abbinamento ideale per piatti speziati e per occasioni importanti.

Un Chianti Superiore dal profumo intenso e fruttato prodotto da uve Sangiovese dei nostri vigneti. Eccellenza della nostra produzione, che apprezzerete per la sua inimitabile eleganza donata dal nostro terroir, unita al sentore morbido e vellutato.

VINIFICAZIONE

Le uve raccolte a mano vengono trasportate in cantina, dopo una accurata cernita vengono diraspate e pigiate. Segue una macerazione di 10-12 giorni a seconda dell’annata.  Il vino viene affinato in botti. Segue un finale affinamento in bottiglia.

NOTE DI DEGUSTAZIONE

Colore rosso brillante con un’austera venatura granata. Al naso si presenta intenso con note di frutti rossi e viola. Al palato ha un ingresso morbido. La vibrante freschezza rende il finale fruttato ed estremamente piacevole.

ABBINAMENTI

Si sposa elegantemente con pasta e ragù di carne; carni rosse, selvaggina da piuma e formaggi stagionati. Per le sue caratteristiche e tipicità è ideale per accompagnare piatti della tradizione toscana ed italiana. Ottimo anche con “tartare” di carne e di tonno.

Il Ginestraio rende omaggio alla ginestra, fiore solare e profumatissimo che cresce rigoglioso tra i vigneti di Usiglian del Vescovo. è un vino dal carattere elegante e dall’aroma floreale; grazie alla sua personalità unica, si presta ad abbinamenti sorprendenti.

VINIFICAZIONE

Le uve raccolte a mano vengono traspostate in cantina, dopo una accurata cernita vengono diraspate e pigiate. Il mosto viene illimpidito e avviato alla fermentazione. Dopo un’affinamento di circa 6 mesi viene imbottigliato per poi raggiungere i vostri calici.

NOTE DI DEGUSTAZIONE

Colore giallo intenso con sfumature oro brillante e verde. Molto fruttato al naso con note di pesca, albicocca, tiglio e acacia. Struttura molto morbida e corpo medio in bocca. Il finale è fresco, pulito e di buona persistenza.

ABBINAMENTI

Si accompagna bene con pasta condita con olio extravergine di oliva e formaggio o con una salsa leggera di pomodoro, tartufo bianco di San Miniato, elaborati piatti di pesce e formaggi di media stagionatura.

Il Grullaio nel dialetto toscano è il medico dei grulli, dei pazzerelli, con questo nome vorremmo omaggiare questo vino che piace “da matti”. Un rosso fresco ed accattivante, che saprà stupirvi con il suo carattere allegro e la sua versatilità. Prodotto con macerazioni brevi a bassa temperatura per esaltare le sue caratteristiche: fruttuosità e piacevolezza.

VINIFICAZIONE

Le uve raccolte a mano, vengono trasportate all’interno di bins in cantina. Dopo un’accurata cernita vengono diraspate e pigiate. Segue una macerazione di 8-10 giorni a seconda dell’annata. La fermentazione malolattica avviene in serbatoi di cemento, il vino poi affina negli stessi fino ad essere pronto per essere imbottigliato.

NOTE DI DEGUSTAZIONE

Colore rosso intenso con riflessi violacei. Al naso si presenta goloso con note di fragola, mora e mirtillo. Al palato ha un ingresso morbido con tannini setosi. Il finale è fruttato e lungo grazie anche alla notevole freschezza.

ABBINAMENTI

Raccomandato con paste e sughi a base di pomodoro, carni bianche in tegame e arrosto, tartufo bianco di San Miniato, formaggi stagionati e cacciucco alla livornese. Ottimo anche per aperitivi.

Un rosato fresco prodotto da uve raccolte a perfetta maturazione che permettono di ottenere un vino armonico.

VINIFICAZIONE

I grappoli di Sangiovese vengono raccolti a mano. L’uva viene diraspata e selezionata attraverso un tappeto di cernita vibrante, di seguito si effettua una macerazione in serbatoio inox fino a che il colore ha raggiunto l’intensità e la nuance desiderate. A tal punto si “svina” e si avvia la fermentazione che viene condotta a 18° C. A fine fermentazione si eliminano con un travaso le fecce più grossolane e si inizia un affinamento sulle fecce leggere con agitazioni giornaliere fino a gennaio. A febbraio viene infine imbottigliato, senza eseguire chiarifiche, il vino viene solamente filtrato.

NOTE DI DEGUSTAZIONE

Colore caratteristico con riflessi ramati. Al naso si presenta floreale con sentori di albicocca. Al palato risulta caratterizzato da una spiccata mineralità e freschezza.

ABBINAMENTI

Ottimo con tutti i tipi di antipasti, con i primi e le zuppe di pesce; le zuppe toscane e tutti i piatti di verdura. é ideale anche per accompagnare spuntini veloci.

Il 1083 fu presumibilmente l’anno in cui la produzione di vino rese Usiglian del Vescovo indipendente per il vino da messa. Per ricordare questa volontà di indipendenza, nel pieno rispetto dello spirito di quel periodo, abbiamo chiamato il nostro vino con quella data, 1083, legandolo emotivamente al nostro desiderio di rendere omaggio a un territorio tanto antico quanto unico.

VINIFICAZIONE

Le uve raccolte a mano sono trasportate in cantina, dove vengono diraspate, selezionate attraverso un tappeto di cernita vibrante e infine pigiate. Segue la fermentazione alcolica che avviene all’interno di tini troncoconici in rovere, con la macerazione di 15-20 giorni, a seconda dell’annata. Il vino viene affinato in tonnaux e bottiglia fino a completa maturazione.

NOTE DI DEGUSTAZIONE

Colore profondo con sfumature violacee. Al naso si presenta molto intenso, balsamico e complesso, con evidenze di mora e mirtillo, il lungo affinamento determina le note terziarie di caffè, cioccolato e spezie. Al palato ha un ingresso caldo e avvolgente con una imponente struttura tannica. Finale molto persistente con una piacevole fruttuosità.

ABBINAMENTI

Ottimo con formaggi a pasta dura, sughi di cacciagione, carni rosse in umido, selvaggina al tegame, cinghiale in salmì. La sua complessità e la sua unicità lo rendono ideale anche come vino “da meditazione”.

Il 1078 è la data in cui Matilde di Canossa donò il feudo di Usigliano al Vescovo di Lucca, cambiandone il nome per sempre in Usiglian del Vescovo. Con questo vino, sintesi tra tradizione e innovazione, intendiamo rendere omaggio a quell’evento e alla storia millenaria di Usiglian del Vescovo. Un vino che saprà conquistarvi, anno dopo anno, con il suo carattere unico, scaturito dall’affinamento in barriques e anfore.

VINIFICAZIONE

Il MilleEsettantotto si ottiene dalla pressatura soffice dei grappoli interi di Chardonnay e Viognier. Dopo una breve macerazione delle bucce, le uve vengono sottoposte ad una decantazione naturale e il mosto viene avviato alla fermentazione. Il MilleEsettantotto viene poi affinato in piccole botti di rovere e successivamente in anfore di cocciopesto.

NOTE DI DEGUSTAZIONE

Nel bicchiere, MilleEsettantotto mostra il suo colore giallo pallido vivo con sfumature verdi. Bouquet fine e complesso. In bocca rivela un’armonia di note fresche e dolci unite ad un corpo e una persistenza considerevoli. Questo vino è destinato ad avere una notevole evoluzione nel tempo.

ABBINAMENTI

Adatto a piatti raffinati e speziati a base di frutti di mare, piatti a base di tartufo bianco e risotti ai funghi. È perfetto anche con le carni bianche.

La mora è il dolcissimo frutto che cresce nascosto tra le difficoltà e le spine dei rovi, un omaggio al nostro territorio, sicuramente difficile per le sue caratteristiche, ma capace di regalare vini strepitosi. Un vino dagli eleganti aromi di frutti rossi, che saprà conquistarvi con il suo carattere deciso ed avvolgente.

VINIFICAZIONE

Le uve sono raccolte a mano ed inserite in bins per essere trasportate in cantina. Dopo un’accurata cernita, vengono diraspate e pigiate. Segue una macerazione di circa 13/15 giorni, a seconda dell’annata. Si effettuano follature e rimontaggi rispettando la matrice. La fermentazione malolattica viene svolta in serbatoi di cemento.

NOTE DI DEGUSTAZIONE

Colore intenso con sfumature violacee. Al naso si presenta intenso, con note evidenti di piccoli frutti rossi. Al palato risulta morbido, avvolgente, con un finale persistente e piacevole.

ABBINAMENTI

Si sposa elegantemente con carni bianche e rosse, pasta al ragù, lasagne e tutti i piatti della tradizione toscana.

Declinazione di vitigno autoctono in Spumante metodo classico.

VINIFICAZIONE

Le uve sono trasportate in cantina, dove vengono diraspate, selezionate attraverso un tappeto di cernita vibrante e pigiate. Segue una macerazione sulle bucce, che dura il tempo necessario ad ottenere l’intensità di colore e la nuance per noi ottimali. Il mosto viene poi avviato ad una fermentazione in acciaio a una temperatura di circa 16 gradi. Si ottiene così il vino che, una volta assemblato in cuveé di diverse annate, è destinato al tiraggio e presa di spuma. In seguito le bottiglie vengono sottoposte al remuage. Una volta raggiunto il perfetto affinamento sui lieviti, le bottiglie vengono sboccate, ricolmate con lo sciroppo di esportazione e tappate con il tappo definitivo.

NOTE DI DEGUSTAZIONE

Colore rosa tenue con sfumature buccia di cipolla e con perlage finissimo. Presenta un bouquet intenso, elegante, di frutti rossi e fiori, con la viola in evidenza e note di croissant. Al palato risulta elegante e complesso, con spiccata mineralità e piacevole freschezza. Il Bruvé ha un finale pulito, fresco e avvolgente con una notevole persistenza gustativa.

ABBINAMENTI

Perfetta overture del pasto, ottimo con antipasti di ogni tipo. Sicuro compagno di tutti i piatti di pasta a base di pesce. Accompagna perfettamente dolci a base di frutta fresca.

Grazie alla selezione di un’eccellente grappa e all’affinamento nei tonneaux utilizzati nell’elevazione del Barbiglione vi proponiamo un nettare complesso e raffinato

CARATTERISTICHE ORGANOLETTICHE

All’esame visivo si presenta ambra intenso, tendente al giallo oro con sfumature rossastre, molto invitante. Il profumo è gentile ed elegante, caldo e fragrante, con evidenze di uva matura, prugna, albicocca, ciliegia. Si distinguono poi note di vaniglia, caffè, cacao, pistacchio e noce. Il gusto è raffinato e delicato, armonico, vinoso, morbido con piacevoli tonalità di spezie, mallo di noce, mandorle e miele. Grande ricchezza aromatica e persistenza gustativa lunghissima.

Un classico intramontabile, un’icona del bere toscano.

VINIFICAZIONE

Le uve sono raccolte a mano, in piccole cassette. Vengono poste ad appassire in un antico fienile, esposto magistralmente ai venti predominanti, per oltre 3 mesi. In seguito viene effettuata una pressatura soffice con torchio verticale. Il denso e prezioso mosto che si ottiene viene avviato alla fermentazione nei caratelli, dove il lievito autoctono chiamato “Madre” svolge una lenta fermentazione per almeno 4 anni. Quando la stabilità naturale è raggiunta, il Vin Santo Occhio di Pernice viene imbottigliato senza chiarifiche o filtrazioni per preservarne appieno le doti di naturalità.

NOTE DI DEGUSTAZIONE

Colore ambrato con riflessi ramati e granati. Ha profumi molto intensi con evidenze di prugne e albicocche secche. Si distinguono poi note di mallo di noce e cioccolato. Al palato risulta equilibrato, molto speziato con piacevolissime note agrumate. Il finale ha una persistenza lunghissima.

ABBINAMENTI

Si accompagna perfettamente con pasticceria secca, tipicamente i classici cantuccini toscani. Ottimo con cioccolato pregiato. Sorprendente con formaggi erborinati di media stagionatura.

Olio Extravergine di Oliva Biologico

Dagli ulivi dalle varietà Leccino, Frantoio e Moraiolo, attraverso la raccolta manuale delle olive effettuata in epoca precoce, frangendo a freddo le olive entro poche ore dalla raccolta, si ottiene un olio intenso e fruttato, con evidenti note di mandorle e carciofo.

This post is also available in: Inglese